Sul rispetto dell’ambiente

Quando abbiamo la possibilità di porre rimedio all’inciviltà degli altri, penso che dovremmo farlo, entro certi limiti, certamente…insomma, se possiamo inchinarci a raccogliere ciò che altri han buttato via senza alcun ritegno, credo che dovremmo farlo e basta, senza giustificare la nostra inerzia con frasi del tipo “si ma io non sono lo spazzino di nessuno, non vedo perché dovrei farlo io, se non lo ha fatto lui”. Perché purtroppo, le persone che non rispettano la Natura e l’ambiente esistono, sono tante, sono, io penso, la maggior parte. E solo pochi (rispetto al tutto) cambiano il loro modo di porsi rispetto alla Natura stessa, tanto da riconoscerla come culla di vita e bellezza…questo è difficile, perché sono malati di indifferenza e di una buona dose di incoscienza… perché ignorano, snobbano, le conseguenze di queste loro azioni. D’altro canto, loro sono quelli che se tu gli dici di non conficcare nella sabbia la cicca di sigaretta, oppure di non buttare in mezzo all’erba la plastica che avvolge il panino, ti rispondono “ma tanto lo fanno tutti, che ti credi” oppure si offendono e ti mandano al diavolo. Mi piacerebbe che imparassimo sempre più, a voler rimediare (nei limiti, lo ripeto) agli atti vandalici di questi incoscienti, non per altro, ma perché così facendo aiuteremo la Natura a subire un pelo in meno di violenza. Proteggendola, aiuteremo anche noi stessi, distanziandoci dal giorno in cui non ci sarà davvero più niente da fare, il giorno in cui ci ritroveremo, tutti e in ogni luogo, sommersi da ogni genere di porcheria. E magari, proviamo anche a coinvolgere i bimbi e i ragazzini, perché no!? Durante un pic nic oppure in spiaggia, dedichiamo qualche minuto ad un bel gioco..occorre poco, dei guanti in lattice, delle buste e un bel po’ di Amuchina e tutti insieme si può ripulire un fazzoletto di verde o uno spicchio di spiaggia. Mi premeva esporre in breve, ciò di cui sono convinta da molti anni e cioè che dovremmo sentire profondamente il gravissimo problema dell’inquinamento perché è un problema nostro e noi stessi lo abbiamo causato e sempre noi, con la nostra indifferenza contribuiamo ad ingigantirlo ogni giorno di più. Proviamo, per quanto ci è possibile, ad attivarci per contrastarne almeno una briciola..anche con piccolissimi gesti, da semplici cittadini.

(Claudia Magnasco)

73166_205347452993528_556536819_n